lunedì 17 maggio 2010

ATEISMO SOVIETICO



Europa Europa (Germania/Francia 1990) - Film tratto dal libro di memorie di Salomon Perel.

Per sfuggire all'invasione tedesca della Polonia il ragazzo ebreo Sally fugge nella parte sovietica, dove gli ebrei sono protetti e rispettati, come ogni altro cittadino.

Un soldato sovietico gli salva la vita mentre sta per annegare, quindi viene mandato in un orfanotrofio a Grodno, dove, insieme a bambini ebrei, polacchi e russi, viene accudito e gli viene assicurata l'istruzione scolastica, ovviamente basata sui principi naturali dell'ateismo e su quelli umanistici del marximo-leninismo sovietico.

Nonostante l'evidente e goffo tentativo della regista di mettere in cattiva luce le educatrici e gli educatori sovietici, facendoli apparire come subdoli e cinici e accostandoli in modo caricaturale al cosiddetto stalinismo, calderone indistinto e etichetta demonizzante ormai abusata e stantia con cui si vorrebbe delegittimare e squalificare una esperienza politica e sociale eccezionale, involontariamente la regista, nella sostanza, ci offre un quadro verosimile e sublime della caratura morale, educativa e sociale delle scuole sovietiche, in cui per la prima volta nella storia dell'umanità i bambini potevano crescere smascherando le menzogne criminali delle religioni e i meccanismi assassini del capitalismo, diventando così uomini liberi.