sabato 30 gennaio 2010

SOVIETICA VESUVIANITÁ


A nu' pal' stann' appis' (Ad un palo stanno appesi)
stann' appis' tutt'e tre. (stanno appesi tutti e tre.)
Na fulat' 'e vient' 'e mmove (Una folata di vento li smuove)
mmove 'o pret' 'o fant' e 'o rre. (muove il prete, il fante e il re.)
Stann' appis a capa sotto, (Stanno appesi capovolti,)
comm'è bell' a lle veré! (come son belli da vedere!)
Nun so loro cchiù 'e patrun (Non sono più loro i padroni)
e chesta terra, né de me… (di questa terra, né di me...)
Ah, fosse bell'! Né sant' né guerr', (Ah, sarebbe bello! Né santi né guerra,)
sulo 'o mare e 'a terra libera, (solo il mare e la terra libera,)
si overo 'e appennessemo tutt'e tre! (se davvero li appendessimo tutti e tre!)

Musica di Daniele Sepe, testo di Dario Jacobelli 
(dall'album "Vite perdite", 1993).

GUARDA IL VIDEO CON MUSICA, TESTO E IMMAGINI



UAACS - Unione per l’Ateismo Antireligioso e il Comunismo Sovietico

(tra breve nuovi contenuti nel sito http://www.antireligione.eu/)